Vai al contenuto

Tavolo telco e consumatori

I servizi di comunicazione elettronica sono essenziali per soddisfare i bisogni primari della collettività e per salvaguardare la coesione sociale e territoriale. È pertanto necessario in questo periodo di emergenza sanitaria garantire quanto più possibile il funzionamento delle reti e l'operatività e la continuità dei servizi, in considerazione soprattutto del maggior utilizzo del lavoro agile, della didattica on-line e, in generale, della crescente domanda di connettività.  

L'articolo 82 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 (Cura Italia), al fine di far fronte alla crescita dei consumi dei servizi e del traffico sulle reti di comunicazioni elettroniche nella situazione di emergenza epidemiologica, prevede che le imprese che svolgono attività di fornitura di reti e servizi di comunicazioni elettroniche sono tenute a intraprendere ogni utile iniziativa atta a potenziare le infrastrutture e a garantire il funzionamento delle reti e l'operatività e continuità dei servizi. Le misure straordinarie indicate nei commi 2, 3 e 4, dell'art. 82, del Decreto Cura Italia, sono comunicate all'Autorità che, laddove necessario e nel rispetto delle proprie competenze, provvede a modificare o integrare il quadro regolamentare vigente.

In attuazione del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 e delle conseguenti decisioni assunte dal Consiglio dell'Autorità il 18 marzo 2020, l'Autorità intende svolgere un'attività di coordinamento utile alle imprese e ad ogni soggetto interessato del settore delle comunicazioni elettroniche nella situazione di emergenza epidemiologica COVID-19.

Con Circolare del 20 marzo 2020 l'Autorità ha adottato le prime misure e iniziative per il mercato, volte a scongiurare situazioni di congestione, saturazione della banda, nonché di esclusione sociale dei clienti attualmente non connessi alla rete a banda ultralarga, oltre a garanzia di una maggiore qualità dei servizi offerti ai consumatori finali. Alcune di tali misure sono rivolte a TIM, quale operatore detentore di significativo potere di mercato nei mercati dei servizi di accesso all'ingrosso alla rete fissa e, altre, a tutti gli operatori.

A seguito della Circolare del 20 marzo 2020, la Direzione reti e servizi di comunicazione elettronica ha avviato, con Comunicazione del 25 marzo 2020, un tavolo permanente (Tavolo Tecnico "Telco e consumatori") di consultazione e di confronto continuo con gli operatori e gli stakeholder della filiera delle comunicazioni elettroniche, focalizzato sull'attuazione delle iniziative di cui al Decreto Cura Italia, nonché sull'analisi delle proposte, provenienti dagli operatori e dai soggetti coinvolti sui temi relativi alla gestione e all'utilizzo delle reti di comunicazioni ed ai connessi aspetti di tutela del consumatore. Oltre ai tradizionali operatori delle comunicazioni elettroniche, il Tavolo è aperto ai contributi di imprese che operano lungo la filiera TLC oltre che di Associazioni di operatori e Associazioni di consumatori. La suddetta Comunicazione del 25 marzo 2020 contiene un indice delle tematiche oggetto di un Documento di lavoro che raccoglierà i contributi di tutti i soggetti interessati.

Referente per il tavolo è la Direzione reti e servizi di comunicazioni elettroniche, coadiuvata per quanto concerne il traffic management e la net neutrality e per i profili di propria competenza dalla Direzione sviluppo dei servizi digitali e della rete. Oltre ai tradizionali operatori telco, il tavolo è aperto alla partecipazione di rilevanti imprese che operano lungo la filiera TLC o di loro associazioni, nonché alle associazioni dei consumatori. A tal fine e per le questioni che eventualmente dovessero interessare la tutela dei diritti del consumatore, partecipa alle attività del tavolo la Direzione tutela dei consumatori.

Al Tavolo "Telco e consumatori" viene dedicata questa pagina tematica del sito web istituzionale dell'Autorità, che costituirà l'interfaccia tra l'Autorità e i soggetti di cui sopra.

Gli operatori e i soggetti titolati potranno inviare documenti, proposte o segnalazioni alla casella e-mail tavoloTLC-emergenzaCOVID@agcom.it* e, tramite posta elettronica certificata (PEC), all'indirizzo agcom@cert.agcom.it

* L'account di posta elettronica è dedicato esclusivamente alle attività del Tavolo tecnico.

 

 

I servizi di comunicazione elettronica sono essenziali per soddisfare i bisogni primari della collettività e per salvaguardare la coesione sociale e territoriale. È pertanto necessario in questo periodo di emergenza sanitaria garantire quanto più possibile il funzionamento delle reti e l'operatività e la continuità dei servizi, in considerazione soprattutto del maggior utilizzo del lavoro agile, della didattica on-line e, in generale, della crescente domanda di connettività.  

L'articolo 82 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 (Cura Italia), al fine di far fronte alla crescita dei consumi dei servizi e del traffico sulle reti di comunicazioni elettroniche nella situazione di emergenza epidemiologica, prevede che le imprese che svolgono attività di fornitura di reti e servizi di comunicazioni elettroniche sono tenute a intraprendere ogni utile iniziativa atta a potenziare le infrastrutture e a garantire il funzionamento delle reti e l'operatività e continuità dei servizi. Le misure straordinarie indicate nei commi 2, 3 e 4, dell'art. 82, del Decreto Cura Italia, sono comunicate all'Autorità che, laddove necessario e nel rispetto delle proprie competenze, provvede a modificare o integrare il quadro regolamentare vigente.

In attuazione del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 e delle conseguenti decisioni assunte dal Consiglio dell'Autorità il 18 marzo 2020, l'Autorità intende svolgere un'attività di coordinamento utile alle imprese e ad ogni soggetto interessato del settore delle comunicazioni elettroniche nella situazione di emergenza epidemiologica COVID-19.

Con Circolare del 20 marzo 2020 l'Autorità ha adottato le prime misure e iniziative per il mercato, volte a scongiurare situazioni di congestione, saturazione della banda, nonché di esclusione sociale dei clienti attualmente non connessi alla rete a banda ultralarga, oltre a garanzia di una maggiore qualità dei servizi offerti ai consumatori finali. Alcune di tali misure sono rivolte a TIM, quale operatore detentore di significativo potere di mercato nei mercati dei servizi di accesso all'ingrosso alla rete fissa e, altre, a tutti gli operatori.

A seguito della Circolare del 20 marzo 2020, la Direzione reti e servizi di comunicazione elettronica ha avviato, con Comunicazione del 25 marzo 2020, un tavolo permanente (Tavolo Tecnico "Telco e consumatori") di consultazione e di confronto continuo con gli operatori e gli stakeholder della filiera delle comunicazioni elettroniche, focalizzato sull'attuazione delle iniziative di cui al Decreto Cura Italia, nonché sull'analisi delle proposte, provenienti dagli operatori e dai soggetti coinvolti sui temi relativi alla gestione e all'utilizzo delle reti di comunicazioni ed ai connessi aspetti di tutela del consumatore. Oltre ai tradizionali operatori delle comunicazioni elettroniche, il Tavolo è aperto ai contributi di imprese che operano lungo la filiera TLC oltre che di Associazioni di operatori e Associazioni di consumatori. La suddetta Comunicazione del 25 marzo 2020 contiene un indice delle tematiche oggetto di un Documento di lavoro che raccoglierà i contributi di tutti i soggetti interessati.

Referente per il tavolo è la Direzione reti e servizi di comunicazioni elettroniche, coadiuvata per quanto concerne il traffic management e la net neutrality e per i profili di propria competenza dalla Direzione sviluppo dei servizi digitali e della rete. Oltre ai tradizionali operatori telco, il tavolo è aperto alla partecipazione di rilevanti imprese che operano lungo la filiera TLC o di loro associazioni, nonché alle associazioni dei consumatori. A tal fine e per le questioni che eventualmente dovessero interessare la tutela dei diritti del consumatore, partecipa alle attività del tavolo la Direzione tutela dei consumatori.

Al Tavolo "Telco e consumatori" viene dedicata questa pagina tematica del sito web istituzionale dell'Autorità, che costituirà l'interfaccia tra l'Autorità e i soggetti di cui sopra.

Gli operatori e i soggetti titolati potranno inviare documenti, proposte o segnalazioni alla casella e-mail tavoloTLC-emergenzaCOVID@agcom.it* e, tramite posta elettronica certificata (PEC), all'indirizzo agcom@cert.agcom.it

* L'account di posta elettronica è dedicato esclusivamente alle attività del Tavolo tecnico.