Vai al contenuto

Servizi di rete fissa

Telecom Italia è oggi individuata quale operatore detentore di significativo potere di mercato nei mercati relativi alla raccolta, terminazione e transito distrettuale delle chiamate sulla rete telefonica fissa.

L'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai suddetti mercati fornisce agli Operatori autorizzati i seguenti livelli di interconnessione: Stadio di Gruppo Urbano (SGU), Stadio di Gruppo di Transito (SGT).

Gli ulteriori servizi offerti da Telecom Italia, nell'ambito dell'Offerta di Riferimento di Interconnessione, agli altri Operatori, sono in sintesi i seguenti:

  1. servizi di carrier pre-selection e carrier selection, al fine di consentire ai propri clienti siano essi residenziali o non residenziali di accedere ai servizi di qualsiasi fornitore di servizi telefonici nelle suddette modalità (CS/CPS);
  2. servizi di accesso di abbonati Telecom Italia alle numerazioni non geografiche assegnate all'operatore interconnesso e previste all'interno del piano di numerazione: numeri con addebito al chiamato, di Customer Care, di Addebito Ripartito, di televoto, chiamate di massa, Numero Unico e Numero Personale, numerazioni a tariffazione specifica (892, 895, 899), numerazioni in decade 7 (700, 702 e 709), numerazioni in decade 5, numerazioni elenco abbonati (12xy);
  3. servizio di accesso da parte di abbonati di Telecom Italia ai servizi interni di rete di un operatore interconnesso (decade 4), con riferimento al servizio di selezione dell'operatore;
  4. servizio di accesso da parte di abbonati di Telecom Italia alla Rete Privata Virtuale di altro operatore;
  5. servizi di configurazione delle centrali;
  6. servizi di kit di interconnessione;
  7. servizi di fatturazione conto terzi e relativo servizio di gestione del credito;
  8. servizio di fatturazione tramite accesso ai sistemi di pagamento su carte magnetiche con profili tariffari specifici delle postazioni telefoniche pubbliche;
  9. servizi di configurazione dei prezzi delle numerazioni non geografiche;
  10. servizi di portabilità dei numeri;
  11. servizi di gestione centralizzata dei clienti multi-sede e/o multi-tecnologia.

Nel 2011 l'Autorità ha approvato alcuni interventi regolamentari relativi alla interconnessione IP e alla interoperabilità per la fornitura di servizi VoIP (delibera n. 128/11/CIR). Tale decisione costituisce un passaggio regolamentare fondamentale ai fini dell'evoluzione, già da anni in atto, delle attuali reti telefoniche (basate sulla tecnologia cosiddetta TDM) verso architetture di nuova generazione, standardizzate in ambito internazionale e basate sul paradigma IP.

Gli elementi essenziali della delibera sono i seguenti:

  • avvio di un processo di migrazione dall'interconnessione in modalità TDM a quella in modalità IP da realizzarsi nel corso del 2012;
  • utilizzo di specifiche di interconnessione ETSI/ITU (gli organismi di standardizzazione internazionale) service aware, che consentono la fornitura di servizi a qualità garantita;
  • sostanziale riduzione del numero dei bacini di raccolta/terminazione (aree gateway) per l'interconnessione alla rete di Telecom Italia, i quali passano da 660 circa a 16 (corrispondenti a 32 nodi di interconnessione ridondati, 2 per ogni area) grazie alla maggiore efficienza delle reti IP;
  • coincidenza tra i nodi di interconnessione IP con i nodi bitstream con sostanziale vantaggio per gli operatori in termini di efficienza;
  • nessuna conseguenza, con il passaggio all'interconnessione IP, per le attuali regole in materia di portabilità del numero (NP), Piano di Numerazione e prestazioni di giustizia.

Il passaggio all'interconnessione IP sulla base di regole certe, all'avanguardia in ambito internazionale, consentirà di accelerare il processo virtuoso di transizione dalla vecchia tecnologia TDM, su cui sono state basate le reti telefoniche negli ultimi decenni, alla tecnologia IP con vantaggio per le imprese e gli utenti finali.

Le delibere che regolamentano la predisposizione dell'Offerta di Interconnessione di Riferimento da parte di Telecom Italia sono le seguenti:

  • Delibera n. 417/06/CONS: (raccolta, terminazione e transito delle chiamate telefoniche sulla rete telefonica pubblica fissa): definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito all'analisi dei mercati 8-9-10;
  • Delibera n. 107/07/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia per l'anno 2007 di Telecom Italia S.p.A. relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa (Mercati 8, 9 e 10);
  • Delibera n. 27/08/CIR: approvazione dell'offerta di riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa (mercati 8, 9 e 10) per l'anno 2008;
  • Delibera n. 42/09/CIR: approvazione dell'Offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2009 relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 179/10/CONS: mercati dei servizi di raccolta e terminazione nella rete telefonica pubblica fissa (mercati nn. 2 e 3 della raccomandazione della Commissione Europea n. 2007/879/CE): identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza del significativo potere di mercato per le imprese ivi operanti ed individuazione degli eventuali obblighi regolamentari;
  • Delibera n. 180/10/CONS: mercato dei servizi di transito nella rete telefonica pubblica fissa (mercato n. 10 della raccomandazione della Commissione Europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza del significativo potere di mercato per le imprese ivi operanti ed individuazione degli eventuali obblighi regolamentari;
  • Delibera n. 119/10/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia per l'anno 2010 relativa ai servizi di raccolta terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 229/11/CONS: definizione dei prezzi per l'anno 2011 dei servizi di raccolta e transito distrettuale offerti da Telecom Italia e del servizi di terminazione su rete fissa offerto da tutti gli operatori notificati;
  • Delibera n. 117/11/CIR: approvazione dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per il 2011 relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 128/11/CIR: disposizioni regolamentari in merito alla interconnessione IP e interoperabilità per la fornitura di servizi VoIP.
  • Delibera n. 292/18/CONS: Definizione delle caratteristiche tecniche e delle corrispondenti denominazioni delle diverse tipologie di infrastruttura fisica utilizzate per l'erogazione dei servizi di telefonia, reti televisive e comunicazioni elettroniche, ai sensi dell'art. 19 quinquiesdecies del decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148

Telecom Italia è oggi individuata quale operatore detentore di significativo potere di mercato nei mercati relativi alla raccolta, terminazione e transito distrettuale delle chiamate sulla rete telefonica fissa.

L'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai suddetti mercati fornisce agli Operatori autorizzati i seguenti livelli di interconnessione: Stadio di Gruppo Urbano (SGU), Stadio di Gruppo di Transito (SGT).

Gli ulteriori servizi offerti da Telecom Italia, nell'ambito dell'Offerta di Riferimento di Interconnessione, agli altri Operatori, sono in sintesi i seguenti:

  1. servizi di carrier pre-selection e carrier selection, al fine di consentire ai propri clienti siano essi residenziali o non residenziali di accedere ai servizi di qualsiasi fornitore di servizi telefonici nelle suddette modalità (CS/CPS);
  2. servizi di accesso di abbonati Telecom Italia alle numerazioni non geografiche assegnate all'operatore interconnesso e previste all'interno del piano di numerazione: numeri con addebito al chiamato, di Customer Care, di Addebito Ripartito, di televoto, chiamate di massa, Numero Unico e Numero Personale, numerazioni a tariffazione specifica (892, 895, 899), numerazioni in decade 7 (700, 702 e 709), numerazioni in decade 5, numerazioni elenco abbonati (12xy);
  3. servizio di accesso da parte di abbonati di Telecom Italia ai servizi interni di rete di un operatore interconnesso (decade 4), con riferimento al servizio di selezione dell'operatore;
  4. servizio di accesso da parte di abbonati di Telecom Italia alla Rete Privata Virtuale di altro operatore;
  5. servizi di configurazione delle centrali;
  6. servizi di kit di interconnessione;
  7. servizi di fatturazione conto terzi e relativo servizio di gestione del credito;
  8. servizio di fatturazione tramite accesso ai sistemi di pagamento su carte magnetiche con profili tariffari specifici delle postazioni telefoniche pubbliche;
  9. servizi di configurazione dei prezzi delle numerazioni non geografiche;
  10. servizi di portabilità dei numeri;
  11. servizi di gestione centralizzata dei clienti multi-sede e/o multi-tecnologia.

Nel 2011 l'Autorità ha approvato alcuni interventi regolamentari relativi alla interconnessione IP e alla interoperabilità per la fornitura di servizi VoIP (delibera n. 128/11/CIR). Tale decisione costituisce un passaggio regolamentare fondamentale ai fini dell'evoluzione, già da anni in atto, delle attuali reti telefoniche (basate sulla tecnologia cosiddetta TDM) verso architetture di nuova generazione, standardizzate in ambito internazionale e basate sul paradigma IP.

Gli elementi essenziali della delibera sono i seguenti:

  • avvio di un processo di migrazione dall'interconnessione in modalità TDM a quella in modalità IP da realizzarsi nel corso del 2012;
  • utilizzo di specifiche di interconnessione ETSI/ITU (gli organismi di standardizzazione internazionale) service aware, che consentono la fornitura di servizi a qualità garantita;
  • sostanziale riduzione del numero dei bacini di raccolta/terminazione (aree gateway) per l'interconnessione alla rete di Telecom Italia, i quali passano da 660 circa a 16 (corrispondenti a 32 nodi di interconnessione ridondati, 2 per ogni area) grazie alla maggiore efficienza delle reti IP;
  • coincidenza tra i nodi di interconnessione IP con i nodi bitstream con sostanziale vantaggio per gli operatori in termini di efficienza;
  • nessuna conseguenza, con il passaggio all'interconnessione IP, per le attuali regole in materia di portabilità del numero (NP), Piano di Numerazione e prestazioni di giustizia.

Il passaggio all'interconnessione IP sulla base di regole certe, all'avanguardia in ambito internazionale, consentirà di accelerare il processo virtuoso di transizione dalla vecchia tecnologia TDM, su cui sono state basate le reti telefoniche negli ultimi decenni, alla tecnologia IP con vantaggio per le imprese e gli utenti finali.

Le delibere che regolamentano la predisposizione dell'Offerta di Interconnessione di Riferimento da parte di Telecom Italia sono le seguenti:

  • Delibera n. 417/06/CONS: (raccolta, terminazione e transito delle chiamate telefoniche sulla rete telefonica pubblica fissa): definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito all'analisi dei mercati 8-9-10;
  • Delibera n. 107/07/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia per l'anno 2007 di Telecom Italia S.p.A. relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa (Mercati 8, 9 e 10);
  • Delibera n. 27/08/CIR: approvazione dell'offerta di riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa (mercati 8, 9 e 10) per l'anno 2008;
  • Delibera n. 42/09/CIR: approvazione dell'Offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2009 relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 179/10/CONS: mercati dei servizi di raccolta e terminazione nella rete telefonica pubblica fissa (mercati nn. 2 e 3 della raccomandazione della Commissione Europea n. 2007/879/CE): identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza del significativo potere di mercato per le imprese ivi operanti ed individuazione degli eventuali obblighi regolamentari;
  • Delibera n. 180/10/CONS: mercato dei servizi di transito nella rete telefonica pubblica fissa (mercato n. 10 della raccomandazione della Commissione Europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi dei mercati, valutazione di sussistenza del significativo potere di mercato per le imprese ivi operanti ed individuazione degli eventuali obblighi regolamentari;
  • Delibera n. 119/10/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia per l'anno 2010 relativa ai servizi di raccolta terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 229/11/CONS: definizione dei prezzi per l'anno 2011 dei servizi di raccolta e transito distrettuale offerti da Telecom Italia e del servizi di terminazione su rete fissa offerto da tutti gli operatori notificati;
  • Delibera n. 117/11/CIR: approvazione dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per il 2011 relativa ai servizi di raccolta, terminazione e transito delle chiamate nella rete telefonica pubblica fissa;
  • Delibera n. 128/11/CIR: disposizioni regolamentari in merito alla interconnessione IP e interoperabilità per la fornitura di servizi VoIP.
  • Delibera n. 292/18/CONS: Definizione delle caratteristiche tecniche e delle corrispondenti denominazioni delle diverse tipologie di infrastruttura fisica utilizzate per l'erogazione dei servizi di telefonia, reti televisive e comunicazioni elettroniche, ai sensi dell'art. 19 quinquiesdecies del decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148