Vai al contenuto

Servizi di accesso disaggregato

Con il termine "servizi di accesso disaggregato" si intendono i servizi che consentono agli operatori alternativi l'utilizzo disaggregato delle risorse fisiche della rete d'accesso dell'operatore notificato, nonché i relativi servizi accessori e sostitutivi.

Il principio, espresso in linea generale nelle direttive comunitarie, è stato oggetto di numerose delibere dell'Autorità che ha indicato termini, condizioni e scandito modalità per l'accesso alla rete locale di Telecom Italia.

L'Offerta di Riferimento di Telecom Italia, pubblicata annualmente sulla base delle disposizioni normative dell'Autorità comprende in particolare le condizioni tecnico ed economiche per la fornitura del:

  1. Servizio di accesso completamente disaggregato alla rete locale metallica (c.d full unbundling);
  2. Servizio di unbundling dati;
  3. Servizio di unbundling virtuale;
  4. Servizio di canale numerico;
  5. Servizio di accesso disaggregato alla sottorete locale metallica (c.d. subloop);
  6. Servizio di accesso condiviso a livello di rete locale metallica (c.d. shared access);
  7. Servizio di prolungamento dell'accesso in fibra ottica;
  8. Servizi di colocazione;
  9. Servizio di raccordi interni tra operatori.

Le delibere dell'Autorità che regolano l'accesso disaggregato nell'ambito del quadro regolamentare scaturito dall'adozione del pacchetto di direttive della Commissione Europea del 2002 e del 2007 sono le seguenti:

  • Delibera n. 4/06/CONS: definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito al primo ciclo di analisi di mercato;
  • Delibera n. 83/06/CIR: definisce le condizioni per la predisposizione dell'Offerta di Riferimento per i servizi di accesso disaggregato in ottemperanza alla delibera n. 4/06/CONS;
  • Delibera n. 107/07/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2006 ed il 2007;
  • Delibera n. 69/08/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2008;
  • Delibera n. 14/09/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2009;
  • Delibera n. 314/09/CONS: identificazione ed analisi (di secondo ciclo) dei mercati dell'accesso alla rete fissa (ULL, WLR e bitstream);
  • Delibera n. 731/09/CONS: definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito al secondo ciclo di analisi di mercato;
  • Delibera n. 53/10/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione, soggetti ad orientamento al costo, per il 2010;
  • Delibera n. 578/10/CONS: definizione di un modello di costo per la determinazione dei prezzi dei servizi di accesso all'ingrosso alla rete fissa di Telecom Italia e calcolo del valore del WACC ai sensi della delibera n. 731/09/CONS;
  • Delibera n. 28/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi a network cap dell'offerta di riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche per il 2010;
  • Delibera n. 89/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi a network cap dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche per il 2011;
  • Delibera n. 148/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi soggetti ad orientamento al costo dell' offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2011 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione;
  • Delibera n. 36/12/CIR: Approvazione dei prezzi dei servizi soggetti a network cap dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2012 relativa ai servizi ULL;
  • Delibera n. 93/12/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi soggetti ad orientamento al costo dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2012 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione (mercato 4);
  • Delibera n. 747/13/CONS: modifiche alla delibera n. 476/12/CONS e approvazione delle condizioni economiche e tecniche dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2013 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione (mercato 4).

 

Legenda:

"sottorete locale", una rete locale parziale che collega il punto terminale della rete nella sede dell'abbonato ad un punto di concentrazione o ad un determinato punto di accesso intermedio della rete telefonica pubblica fissa;

"servizio di accesso completamente disaggregato alla rete locale" (c.d. full unbundling), il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso di tutto lo spettro delle frequenze disponibile sulla coppia elicoidale metallica;

"servizi di accesso disaggregato alla sottorete locale", (c.d. sub-loop unbundling) il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla sottorete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso di tutto lo spettro delle frequenze disponibile sulla coppia elicoidale metallica;

"servizio di accesso condiviso" (c.d. shared access), il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso della porzione di spettro superiore a 32kHz disponibile sulla coppia elicoidale metallica. In tale porzione di spettro, l'operatore che ha richiesto l'accesso condiviso fornisce servizi basati su tecnologia xDSL, mentre la porzione inferiore dello spettro continua ad essere utilizzata per la fornitura al pubblico di servizi in banda fonica;

"servizio di unbundling dati", il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato con l'uso della porzione di spettro superiore a 32kHz disponibile sulla coppia elicoidale metallica; la porzione inferiore dello spettro non viene utilizzata per la fornitura al pubblico di servizi in banda fonica; la catena impiantistica in centrale è la medesima del servizio di shared access;

"co-locazione", il servizio che consente ad un operatore alternativo di disporre di spazi presso le centrali dell'operatore notificato equipaggiati per l'attestazione di collegamenti fisici e per l'installazione di telai idonei ad alloggiare apparati e cavi;

"prolungamento dell'accesso in fibra ottica", il servizio che consiste nella fornitura e nella manutenzione da parte dell'operatore notificato di un portante in fibra ottica tra un sito SL ed un sito SGU oppure tra un SL ed un altro SL verso cui esistono portanti e cavidotti diretti, qualora non sia possibile offrire il servizio di prolungamento dell'accesso presso il sito SGU di pertinenza del primo SL;

"canale numerico", il servizio che consiste nella fornitura all'operatore alternativo di un flusso numerico tra la sede del cliente e la centrale dell'operatore notificato di competenza ove è fruibile il servizio di co-locazione, ovvero sino al sito dell'operatore alternativo posto nelle immediate vicinanze al sito della centrale dell'operatore notificato.

Con il termine "servizi di accesso disaggregato" si intendono i servizi che consentono agli operatori alternativi l'utilizzo disaggregato delle risorse fisiche della rete d'accesso dell'operatore notificato, nonché i relativi servizi accessori e sostitutivi.

Il principio, espresso in linea generale nelle direttive comunitarie, è stato oggetto di numerose delibere dell'Autorità che ha indicato termini, condizioni e scandito modalità per l'accesso alla rete locale di Telecom Italia.

L'Offerta di Riferimento di Telecom Italia, pubblicata annualmente sulla base delle disposizioni normative dell'Autorità comprende in particolare le condizioni tecnico ed economiche per la fornitura del:

  1. Servizio di accesso completamente disaggregato alla rete locale metallica (c.d full unbundling);
  2. Servizio di unbundling dati;
  3. Servizio di unbundling virtuale;
  4. Servizio di canale numerico;
  5. Servizio di accesso disaggregato alla sottorete locale metallica (c.d. subloop);
  6. Servizio di accesso condiviso a livello di rete locale metallica (c.d. shared access);
  7. Servizio di prolungamento dell'accesso in fibra ottica;
  8. Servizi di colocazione;
  9. Servizio di raccordi interni tra operatori.

Le delibere dell'Autorità che regolano l'accesso disaggregato nell'ambito del quadro regolamentare scaturito dall'adozione del pacchetto di direttive della Commissione Europea del 2002 e del 2007 sono le seguenti:

  • Delibera n. 4/06/CONS: definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito al primo ciclo di analisi di mercato;
  • Delibera n. 83/06/CIR: definisce le condizioni per la predisposizione dell'Offerta di Riferimento per i servizi di accesso disaggregato in ottemperanza alla delibera n. 4/06/CONS;
  • Delibera n. 107/07/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2006 ed il 2007;
  • Delibera n. 69/08/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2008;
  • Delibera n. 14/09/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione per il 2009;
  • Delibera n. 314/09/CONS: identificazione ed analisi (di secondo ciclo) dei mercati dell'accesso alla rete fissa (ULL, WLR e bitstream);
  • Delibera n. 731/09/CONS: definisce gli obblighi regolamentari per Telecom Italia in esito al secondo ciclo di analisi di mercato;
  • Delibera n. 53/10/CIR: approvazione dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di collocazione, soggetti ad orientamento al costo, per il 2010;
  • Delibera n. 578/10/CONS: definizione di un modello di costo per la determinazione dei prezzi dei servizi di accesso all'ingrosso alla rete fissa di Telecom Italia e calcolo del valore del WACC ai sensi della delibera n. 731/09/CONS;
  • Delibera n. 28/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi a network cap dell'offerta di riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche per il 2010;
  • Delibera n. 89/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi a network cap dell'Offerta di Riferimento di Telecom Italia relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche per il 2011;
  • Delibera n. 148/11/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi soggetti ad orientamento al costo dell' offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2011 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione;
  • Delibera n. 36/12/CIR: Approvazione dei prezzi dei servizi soggetti a network cap dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2012 relativa ai servizi ULL;
  • Delibera n. 93/12/CIR: approvazione dei prezzi dei servizi soggetti ad orientamento al costo dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2012 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione (mercato 4);
  • Delibera n. 747/13/CONS: modifiche alla delibera n. 476/12/CONS e approvazione delle condizioni economiche e tecniche dell'offerta di riferimento di Telecom Italia per l'anno 2013 relativa ai servizi di accesso disaggregato all'ingrosso alle reti e sottoreti metalliche e ai servizi di co-locazione (mercato 4).

 

Legenda:

"sottorete locale", una rete locale parziale che collega il punto terminale della rete nella sede dell'abbonato ad un punto di concentrazione o ad un determinato punto di accesso intermedio della rete telefonica pubblica fissa;

"servizio di accesso completamente disaggregato alla rete locale" (c.d. full unbundling), il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso di tutto lo spettro delle frequenze disponibile sulla coppia elicoidale metallica;

"servizi di accesso disaggregato alla sottorete locale", (c.d. sub-loop unbundling) il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla sottorete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso di tutto lo spettro delle frequenze disponibile sulla coppia elicoidale metallica;

"servizio di accesso condiviso" (c.d. shared access), il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato che autorizzi l'uso della porzione di spettro superiore a 32kHz disponibile sulla coppia elicoidale metallica. In tale porzione di spettro, l'operatore che ha richiesto l'accesso condiviso fornisce servizi basati su tecnologia xDSL, mentre la porzione inferiore dello spettro continua ad essere utilizzata per la fornitura al pubblico di servizi in banda fonica;

"servizio di unbundling dati", il servizio di accesso disaggregato che consiste nella fornitura dell'accesso alla rete locale dell'operatore notificato con l'uso della porzione di spettro superiore a 32kHz disponibile sulla coppia elicoidale metallica; la porzione inferiore dello spettro non viene utilizzata per la fornitura al pubblico di servizi in banda fonica; la catena impiantistica in centrale è la medesima del servizio di shared access;

"co-locazione", il servizio che consente ad un operatore alternativo di disporre di spazi presso le centrali dell'operatore notificato equipaggiati per l'attestazione di collegamenti fisici e per l'installazione di telai idonei ad alloggiare apparati e cavi;

"prolungamento dell'accesso in fibra ottica", il servizio che consiste nella fornitura e nella manutenzione da parte dell'operatore notificato di un portante in fibra ottica tra un sito SL ed un sito SGU oppure tra un SL ed un altro SL verso cui esistono portanti e cavidotti diretti, qualora non sia possibile offrire il servizio di prolungamento dell'accesso presso il sito SGU di pertinenza del primo SL;

"canale numerico", il servizio che consiste nella fornitura all'operatore alternativo di un flusso numerico tra la sede del cliente e la centrale dell'operatore notificato di competenza ove è fruibile il servizio di co-locazione, ovvero sino al sito dell'operatore alternativo posto nelle immediate vicinanze al sito della centrale dell'operatore notificato.