Vai al contenuto

ricerca avanzata

Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016

 

Il numero verde è attivo dal lunedì al venerdì, ore 10:00-13:30.
Per comunicazioni/segnalazioni utilizzare l'indirizzo PEC agcom@cert.agcom.it e/o il numero di fax 081.7507550.

 

Con decreto del Presidente della Repubblica del 27 settembre 2016 (GU Serie Generale n. 227 del 28 settembre 2016) è stato indetto per il 4 dicembre 2016 il referendum popolare confermativo della legge costituzionale approvata dal Parlamento e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016.

Il testo del quesito è il seguente: «Approvate il testo della legge costituzionale concernente Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione" approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.  88 del 15 aprile 2016?».

Nel referendum confermativo, detto anche costituzionale o sospensivo, disciplinato dall'articolo 138 della Costituzione e dalla legge 25 maggio 1970, n. 352, si prescinde dal quorum, ossia si procede al conteggio dei voti validamente espressi indipendentemente se abbia partecipato o meno alla consultazione la maggioranza degli aventi diritto al voto.

 

 

 

 

Il numero verde è attivo dal lunedì al venerdì, ore 10:00-13:30.
Per comunicazioni/segnalazioni utilizzare l'indirizzo PEC agcom@cert.agcom.it e/o il numero di fax 081.7507550.

 

Con decreto del Presidente della Repubblica del 27 settembre 2016 (GU Serie Generale n. 227 del 28 settembre 2016) è stato indetto per il 4 dicembre 2016 il referendum popolare confermativo della legge costituzionale approvata dal Parlamento e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016.

Il testo del quesito è il seguente: «Approvate il testo della legge costituzionale concernente Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione" approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.  88 del 15 aprile 2016?».

Nel referendum confermativo, detto anche costituzionale o sospensivo, disciplinato dall'articolo 138 della Costituzione e dalla legge 25 maggio 1970, n. 352, si prescinde dal quorum, ossia si procede al conteggio dei voti validamente espressi indipendentemente se abbia partecipato o meno alla consultazione la maggioranza degli aventi diritto al voto.

 

 

 

Risultati trovati: 18
Mostra risultati per pagina: