Vai al contenuto

Iniziative per l’Agenda digitale

Nell'ambito delle iniziative finalizzate al raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda digitale europea, la Strategia italiana per la banda ultra larga, approvata dal Governo il 3 marzo 2015, ha elaborato un quadro di interventi organico per lo sviluppo dell'offerta e della domanda dei servizi a banda ultra larga in Italia, introducendo strumenti pubblici di sostegno agli investimenti e di semplificazione amministrativa.

In tale contesto, la normativa europea e nazionale affidano all'Autorità il compito di definire un quadro chiaro di regole per l'accesso alle infrastrutture, che saranno costruite grazie al piano di finanziamenti pubblici.

A tal scopo, il Consiglio dell'Autorità ha approvato la delibera n. 575/15/CONS, che avvia il procedimento istruttorio finalizzato alla definizione delle "linee guida per le condizioni di accesso all'ingrosso alle reti destinatarie di contributi pubblici".

In particolare, le linee guida sono finalizzate a chiarire quali servizi di accesso all'ingrosso dovranno essere resi disponibili dall'operatore beneficiario del contributo e le relative condizioni di offerta tecniche ed economiche, tenendo conto dell'entità di finanziamento ricevuta, consentendo agli altri operatori di attivare, nelle medesime aree del territorio, servizi di accesso a banda ultra larga, così da sviluppare un'offerta in concorrenza a beneficio degli utenti.

 

Nell'ambito delle iniziative finalizzate al raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda digitale europea, la Strategia italiana per la banda ultra larga, approvata dal Governo il 3 marzo 2015, ha elaborato un quadro di interventi organico per lo sviluppo dell'offerta e della domanda dei servizi a banda ultra larga in Italia, introducendo strumenti pubblici di sostegno agli investimenti e di semplificazione amministrativa.

In tale contesto, la normativa europea e nazionale affidano all'Autorità il compito di definire un quadro chiaro di regole per l'accesso alle infrastrutture, che saranno costruite grazie al piano di finanziamenti pubblici.

A tal scopo, il Consiglio dell'Autorità ha approvato la delibera n. 575/15/CONS, che avvia il procedimento istruttorio finalizzato alla definizione delle "linee guida per le condizioni di accesso all'ingrosso alle reti destinatarie di contributi pubblici".

In particolare, le linee guida sono finalizzate a chiarire quali servizi di accesso all'ingrosso dovranno essere resi disponibili dall'operatore beneficiario del contributo e le relative condizioni di offerta tecniche ed economiche, tenendo conto dell'entità di finanziamento ricevuta, consentendo agli altri operatori di attivare, nelle medesime aree del territorio, servizi di accesso a banda ultra larga, così da sviluppare un'offerta in concorrenza a beneficio degli utenti.