Vai al contenuto

Consumatori

immagine Consumatori

Lo sviluppo del sistema delle comunicazioni non può avvenire a danno dei cittadini, che, per primi, devono poter beneficiare delle accresciute possibilità offerte dalla concorrenza. Per questo, l'Autorità vigila affinché i diritti degli utenti siano pienamente garantiti.
Nel settore delle telecomunicazioni e in quello postale, in particolare, a una maggiore quantità di operatori presenti sul mercato non deve corrispondere una peggiore qualità dei servizi. Al fine di assicurare un elevato livello di protezione dei consumatori nei loro rapporti con i fornitori, l'Autorità verifica, quindi, le modalità dierogazione dei servizi, come pure la trasparenza delle comunicazioni rivolte al pubblico,
L'Autorità promuove, inoltre, gli interessi dei cittadini attraverso iniziative volte a diffondere la conoscenza delle condizioni di uso dei servizi così da garantire la massima trasparenza, la concorrenzialità dell'offerta e la possibilità di scelte migliori e consapevoli da parte degli utenti.
Compito dell'Autorità è, anche, quello di salvaguardare la prestazione dei servizi essenziali a tutti gli utenti e di accertare che i servizi siano erogati nel rispetto del principio di non-discriminazione in modo che tutte le ragionevoli esigenze degli utenti siano soddisfatte, comprese quelle degli anziani e dei disabili.
Nello svolgere tali funzioni, l'Autorità ha poteri di acquisizione della documentazione e delle notizie utili, di accesso e di ispezione. Può intervenire direttamente nelle controversie insorte tra utenti e fornitori dei servizi; può, inoltre, ordinare agli operatori la cessazione di comportamenti lesivi dei diritti degli utenti, imponendo loro la corresponsione di indennizzi agli utenti, e può adottare provvedimenti temporanei diretti a garantire la continuità nell'erogazione dei servizi ovvero a far cessare forme di abuso o di scorretto funzionamento da parte degli operatori. Essa ha il potere di irrogare sanzioni amministrative pecuniarie, e, in caso di violazioni particolarmente gravi o reiterate, può disporre la sospensione dell'attività di impresa ovvero la revoca della licenza, delle autorizzazioni o delle concessioni.

 

immagine Consumatori

Lo sviluppo del sistema delle comunicazioni non può avvenire a danno dei cittadini, che, per primi, devono poter beneficiare delle accresciute possibilità offerte dalla concorrenza. Per questo, l'Autorità vigila affinché i diritti degli utenti siano pienamente garantiti.
Nel settore delle telecomunicazioni e in quello postale, in particolare, a una maggiore quantità di operatori presenti sul mercato non deve corrispondere una peggiore qualità dei servizi. Al fine di assicurare un elevato livello di protezione dei consumatori nei loro rapporti con i fornitori, l'Autorità verifica, quindi, le modalità dierogazione dei servizi, come pure la trasparenza delle comunicazioni rivolte al pubblico,
L'Autorità promuove, inoltre, gli interessi dei cittadini attraverso iniziative volte a diffondere la conoscenza delle condizioni di uso dei servizi così da garantire la massima trasparenza, la concorrenzialità dell'offerta e la possibilità di scelte migliori e consapevoli da parte degli utenti.
Compito dell'Autorità è, anche, quello di salvaguardare la prestazione dei servizi essenziali a tutti gli utenti e di accertare che i servizi siano erogati nel rispetto del principio di non-discriminazione in modo che tutte le ragionevoli esigenze degli utenti siano soddisfatte, comprese quelle degli anziani e dei disabili.
Nello svolgere tali funzioni, l'Autorità ha poteri di acquisizione della documentazione e delle notizie utili, di accesso e di ispezione. Può intervenire direttamente nelle controversie insorte tra utenti e fornitori dei servizi; può, inoltre, ordinare agli operatori la cessazione di comportamenti lesivi dei diritti degli utenti, imponendo loro la corresponsione di indennizzi agli utenti, e può adottare provvedimenti temporanei diretti a garantire la continuità nell'erogazione dei servizi ovvero a far cessare forme di abuso o di scorretto funzionamento da parte degli operatori. Essa ha il potere di irrogare sanzioni amministrative pecuniarie, e, in caso di violazioni particolarmente gravi o reiterate, può disporre la sospensione dell'attività di impresa ovvero la revoca della licenza, delle autorizzazioni o delle concessioni.

 

In evidenza

  • Delibera n. 121/21/CONS Ordinanza ingiunzione nei confronti della società Wind Tre S.p.a. per la violazione dell’articolo 3 del regolamento (UE) n. 2015/2120, in combinato disposto con l’articolo 4, comma 1, della delibera n. 348/18/cons (Contestazione n. 17/20/DTC)
  • Delibera n. 120/21/CONS Ordinanza ingiunzione nei confronti della società Wind Tre S.p.a. per la violazione dell’articolo 71 del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, nonché dell’art. 1, commi 3 e 3-ter, del decreto legge n. 7/2007 convertito con modificazioni in legge n. 40/2007 in combinato disposto con l’art. 4 della delibera n. 252/16/CONS (Contestazione n. 15/20/DTC)
  • Comunicazione 22 aprile 2021 Comunicazione sull’invio del questionario sui costi di dismissione e trasferimento dell'utenza (anno 2020) - Delibera 487/18/CONS
  • Delibera n. 104/21/CONS Proroga del termine di cui all’articolo 3, comma 1, della delibera n. 10/21/CONS recante disposizioni in materia di blocco e attivazione dei servizi premium e di acquisizione della prova del consenso
  • Delibera n. 60/21/CONS Delibera N. 60/21/CONS Ordinanza ingiunzione nei confronti della società Micso S.r.l. per la violazione dell’articolo 71, comma 1, del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259 in combinato disposto con l’articolo 4 della delibera n. 252/16/Cons, e dell’articolo 72 del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, in combinato disposto con l’articolo 10, allegato a) della delibera n. 179/03/csp, con l’articolo 3, allegato a) alla delibera n. 254/04/csp, con l’articolo 3 della delibera n. 154/12/csp, con l’articolo 3, allegato a) alla delibera n. 131/06/csp, con l’articolo 7 della delibera n. 244/08/csp