Vai al contenuto

Antonello Giacomelli

immagine Antonio Giacomelli

Nato a Prato,  luogo dove attualmente risiede, ha conseguito la maturità classica al Liceo Cicognini di Prato. 

Giornalista, è stato direttore della emittente toscana Canale 10.

È stato Presidente della Fondazione Teatro Metastasio, divenuta, sotto la sua gestione, Stabile per la prosa della Regione Toscana.

È stato vicesindaco di Prato con deleghe al Bilancio ed alle partecipate.

È parlamentare dalle suppletive del 2004, eletto alla Camera dei Deputati.

Dal 2014 al 2018 è stato sottosegretario di stato al Ministero dello sviluppo economico con delega alle comunicazioni nei governi Renzi e Gentiloni. In quel periodo promuove l'adozione del Piano Bul (Strategia Nazionale per la banda ultralarga) e la riforma del canone Rai ("canone in bolletta").

Si occupa della riforma della governance Rai, del rinnovo della concessione di servizio pubblico e promuove la sperimentazione del 5G.

Rappresenta il governo al G7 delle comunicazioni in Giappone.

Dal 2018 è vicepresidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai.

Con decreto del Presidente della Repubblica è nominato  il 15 settembre 2020 componente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

immagine Antonio Giacomelli

Nato a Prato,  luogo dove attualmente risiede, ha conseguito la maturità classica al Liceo Cicognini di Prato. 

Giornalista, è stato direttore della emittente toscana Canale 10.

È stato Presidente della Fondazione Teatro Metastasio, divenuta, sotto la sua gestione, Stabile per la prosa della Regione Toscana.

È stato vicesindaco di Prato con deleghe al Bilancio ed alle partecipate.

È parlamentare dalle suppletive del 2004, eletto alla Camera dei Deputati.

Dal 2014 al 2018 è stato sottosegretario di stato al Ministero dello sviluppo economico con delega alle comunicazioni nei governi Renzi e Gentiloni. In quel periodo promuove l'adozione del Piano Bul (Strategia Nazionale per la banda ultralarga) e la riforma del canone Rai ("canone in bolletta").

Si occupa della riforma della governance Rai, del rinnovo della concessione di servizio pubblico e promuove la sperimentazione del 5G.

Rappresenta il governo al G7 delle comunicazioni in Giappone.

Dal 2018 è vicepresidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai.

Con decreto del Presidente della Repubblica è nominato  il 15 settembre 2020 componente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.