Vai al contenuto

Agevolazioni per il Servizio Universale

Utenti a basso reddito

Per gli utenti in condizione disagio economico e per gli utenti sordi sono previste particolari agevolazioni nell'ambito di alcuni servizi che ricadono all'interno del SU.

Con la delibera n. 258/18/CONS l'Agcom ha approvato la revisione delle agevolazioni tariffarie per i servizi di telefonia fissa, la cui regolamentazione risaliva all'anno 2000.

L'Autorità ha voluto semplificare ed aggiornare i requisiti di accesso alle agevolazioni alla luce del nuovo contesto economico nazionale, ampliando la platea degli aventi diritto, tenendo conto delle recenti abitudini di consumo. L'Agcom, in particolare, ha voluto fornire le più ampie garanzie di inclusione sociale a tutti i nuclei familiari che ricadono nella definizione di povertà relativa dell'ISTAT, per i quali il reddito annuale, come certificato dall'indicatore di situazione economica equivalente (ISEE), risulta inferiore a 8.112,23 euro. In aggiunta al preesistente sconto del 50% sul canone di accesso alla rete telefonica, che da 19 euro passa a 9,5 euro, il nuovo sistema di agevolazioni prevede anche 30 minuti gratuiti di telefonate verso tutte le numerazioni nazionali fisse e mobili. Consapevole dell'importanza dell'accesso ad Internet nell'ottica di un'effettiva inclusione sociale, l'Autorità ha voluto inoltre assicurare agli utenti che beneficiano delle agevolazioni la possibilità di trovare sul mercato offerte di servizi Internet non in bundle, disgiunte cioè da ogni altro servizio

Utenti sordi

Ai sensi dell'art. 3 della delibera n. 46/17/CONS, gli abbonati residenziali sordi e gli abbonati residenziali nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto sordo sono esentati dal pagamento del canone di abbonamento al servizio telefonico.

Per poter fruire di tale agevolazione va presentata apposita domanda all'impresa fornitrice del Servizio Universale al momento della conclusione del contratto o in qualsiasi momento successivo del rapporto contrattuale. Alla domanda deve essere allegata esclusivamente la certificazione medica rilasciata dalla competente autorità sanitaria pubblica comprovante l'invalidità, nonché, nel caso la domanda sia presentata da un utente convivente con il soggetto invalido, anche la certificazione relativa alla composizione del nucleo familiare.

L'agevolazione ha effetto dal giorno di presentazione della domanda completa della documentazione e per tutta la durata del rapporto contrattuale. L'utente è tenuto a comunicare immediatamente all'operatore che fornisce il servizio la data in cui il soggetto invalido totale abbia eventualmente cessato di far parte del nucleo familiare. In ogni caso, a decorrere da tale data, l'agevolazione non è più riconosciuta e l'operatore ha diritto a chiedere il pagamento del servizio indebitamente omesso.

 

Utenti a basso reddito

Per gli utenti in condizione disagio economico e per gli utenti sordi sono previste particolari agevolazioni nell'ambito di alcuni servizi che ricadono all'interno del SU.

Con la delibera n. 258/18/CONS l'Agcom ha approvato la revisione delle agevolazioni tariffarie per i servizi di telefonia fissa, la cui regolamentazione risaliva all'anno 2000.

L'Autorità ha voluto semplificare ed aggiornare i requisiti di accesso alle agevolazioni alla luce del nuovo contesto economico nazionale, ampliando la platea degli aventi diritto, tenendo conto delle recenti abitudini di consumo. L'Agcom, in particolare, ha voluto fornire le più ampie garanzie di inclusione sociale a tutti i nuclei familiari che ricadono nella definizione di povertà relativa dell'ISTAT, per i quali il reddito annuale, come certificato dall'indicatore di situazione economica equivalente (ISEE), risulta inferiore a 8.112,23 euro. In aggiunta al preesistente sconto del 50% sul canone di accesso alla rete telefonica, che da 19 euro passa a 9,5 euro, il nuovo sistema di agevolazioni prevede anche 30 minuti gratuiti di telefonate verso tutte le numerazioni nazionali fisse e mobili. Consapevole dell'importanza dell'accesso ad Internet nell'ottica di un'effettiva inclusione sociale, l'Autorità ha voluto inoltre assicurare agli utenti che beneficiano delle agevolazioni la possibilità di trovare sul mercato offerte di servizi Internet non in bundle, disgiunte cioè da ogni altro servizio

Utenti sordi

Ai sensi dell'art. 3 della delibera n. 46/17/CONS, gli abbonati residenziali sordi e gli abbonati residenziali nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto sordo sono esentati dal pagamento del canone di abbonamento al servizio telefonico.

Per poter fruire di tale agevolazione va presentata apposita domanda all'impresa fornitrice del Servizio Universale al momento della conclusione del contratto o in qualsiasi momento successivo del rapporto contrattuale. Alla domanda deve essere allegata esclusivamente la certificazione medica rilasciata dalla competente autorità sanitaria pubblica comprovante l'invalidità, nonché, nel caso la domanda sia presentata da un utente convivente con il soggetto invalido, anche la certificazione relativa alla composizione del nucleo familiare.

L'agevolazione ha effetto dal giorno di presentazione della domanda completa della documentazione e per tutta la durata del rapporto contrattuale. L'utente è tenuto a comunicare immediatamente all'operatore che fornisce il servizio la data in cui il soggetto invalido totale abbia eventualmente cessato di far parte del nucleo familiare. In ogni caso, a decorrere da tale data, l'agevolazione non è più riconosciuta e l'operatore ha diritto a chiedere il pagamento del servizio indebitamente omesso.